Palio della campana

Nel giugno del 1397 a Palazzuolo vi fu un’insurrezione popolare contro i Fiorentini, da poco insediatesi nel paese. Per ritorsione il governo fiorentino tolse la voce al popolo: asportò la campana del castello di Susinana, fusa nel 1202. Probabilmente questa finì a Figline Valdarno, come dono di Firenze a quella città per i servigi resi alle sue milizie. A oltre seicento anni di distanza questa storia, che potrebbe essere leggenda, (nonostante le fonti che la certificano come vera), ci ha offerto la possibilità di realizzare un grande Palio, con la partecipazione di numerosi gruppi d’arme della Romagna e della Toscana e non solo, nel tentativo di ricostruire l’Oste Guelfa e quella Ghibellina, questa volta non con l’intento di darsi battaglia, ma con quello di scoprire le radici comuni. Il Palio della Campana è una disputa a colpi di catapulta e battaglia in campo, che si tiene ogni anno nella quarta domenica di luglio.